• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Sentiero Valtellina
 
punti di interesse:    link ad altre mappe:    treno:   

Colico - Sondrio ( tragitto blu)
Circa 50 chilometri.
Tragitto facile.
Dislivelli: 230 metri in salita e 140 in discesa.
Pendenze moderate e brevi salite a Morbegno, Talamona, Colorina.
Strada quasi completamente asfaltata e per metà è ciclabile protetta.

Sondrio - Tirano ( tragitto rosso)
Circa 30 chilometri per arrivare alla stazione di Tirano
Tragitto facile. Strada completamente asfaltata e ciclabile protetta per più di metà.
Dislivelli: più di 200 metri in salita e pochi in discesa con pendenze regolari senza grossi sbalzi.

Tirano - Grosio ( tragitto viola)
Un'altra quindicina di chilometri per Grosio, dove però la ferrovia non arriva.
Un dislivello da più di 150 metri in salita con pendenza regolare.
Grosio è un borgo molto antico e chi lo volesse può vedere ulteriori foto.

Treno + Bici
Se i tragitti vengono percorsi a partire da Tirano (punto di arrivo della ferrovia), o da Grosio, sono quasi sempre in discesa. Il sentiero Valtellina segue il tragitto della ferrovia (Da Colico a Tirano) e si può riprendere il treno in diversi punti.

Lungo la ciclabile nel tratto Colico-Sondrio si passa per Morbegno che, una volta all'anno, organizza una famosa mostra del Bitto, un formaggio di ottima qualità, prodotto nei pascoli d'alta quota e che può essere conservato e stagionato anche per una decina di anni. La mostra del Bitto è accompagnata da degustazioni delle varie produzioni di Bitto e altri prodotti locali, spettacoli e danze popolari in costume.


Sempre in bici:
Sempre in Bici Val Brembana Cammino di Santiago in bicicletta Adige Città e Parco di Monza Cremona e dintorni, in bibicletta I laghi di Varese e Comabbio In bicicletta lungo il Canale Villoresi La Martesana in bici Lungo l'Adda Nord, in bicicletta Lungo l'Adda Sud, in bicicletta Lungo l'Oglio in bicicletta Mantova e dintorni, in bicicletta Navigli Sentiero Valtellina Ticino: il parco e il fiume
Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Grosio: San Giorgio
Nel centro storico di Grosio c'è la chiesa di San Giorgio risalente al XIII secolo. Facciata con cuspide a vento, un rosone in marmo, portale principale in marmo sotto un piccolo tetto in ardesia, robusta torre campanaria in stile romanico. [...]

Grosio: San Giorgio

Grosio: San Giorgio

Grosio

Grosio

Grosio
Antico borgo che fa parte della Comunità Montana della Valtellina di Tirano. Risale all'età del bronzo e nella famosa rupe Magna si trovano incisioni rupestri come quelle della Valcamonica. Nel medioevo è stato feudo dei Valvenosta e del periodo sono rimasti due castelli.

Grosio: Rupe Magna
Nel Parco delle Incisioni Rupestri, a fianco del castello Visconti Venosta, si trova la Rupe Magna, un grande masso (84 x 35 m) soprannominato 'la balena'. La sua superficie è stata erosa dagli agenti atmosferici e in modo particolare dallo scioglimento dei ghiacciai che hanno lasciato dei grossi solchi. Ad incidere il masso hanno contribuito anche gli uomini che già nell'età del bronzo hanno intagliato nella superficie una scala e fatto molte incisioni.

Grosio: Rupe Magna
Alcune delle moltissime incisioni che si possono vedere nella Rupe Magna.

Grosio: castello
Castello Visconti Venosta o Castello Nuovo, XIV secolo. Costruito dai Visconti di Milano e gli consentì di conquistare nel 1376 la Contea di Bormio con la collaborazione dei Venosta.

Grosio: castello
Caratteristica del castello è la doppia cinta muraria, un rifugio per la popolazione in caso di pericolo ma forse costruite per il posizionamento di scale retrattili in caso di necessità.

Grosotto: centrale

Lovero: Adda

Tirano: stazione
Capolinea della linae Milano-Tirano e della linea regionale per Sondrio. Si trova nei pressi della stazione della ferrovia Retica, sulla linea del Bernina che porta a St. Moritz.  [photo: Wikipedia]

Tirano: basilica della Madonna
Costruzione iniziata nel 1505 nel luogo dove nel1504 era apparla la Madonna al beato Mario Omodei.

Sondrio: stazione
Sulla linea Milano-Tirano. Si trova sulla congiunzione di due storiche linee ferroviarie, la ferrovia della Valtellina e la ferrovia dell'Alta Valtellina.  [photo: Wikipedia]

Morbegno: località Ganda
Il ponte di Ganda fu costruito nel 1778 da Francesco Bernardino Ferrari, architetto milanese, a seguito di un'alluvione aveva distrutto il vecchio ponte degli inizi del '500.

Morbegno: il ponte di Ganda

Morbegno: il ponte di Ganda

Cosio Valtellino: guado
A Cosio Valtellino c'è un guado che poi porta sulla ciclabile. Si può fare spingendo la bici sul fondo sassoso. L'altazza massima che ho incontrato è stata sui 60 cm.

Traona
La ciclabile all'altezza di Traona.

Mantello: La Fiorida
Le mucche dell'azienda agricola 'La Fiorida'. Le mucche sono di razza Bruna, il ceppo italiano della razza Bruna Alpina, autoctona della svizzera centrale. La Bruna è derivata da soggetti elvetici, austriaci, bavaresi rinsanguati con il ceppo americano Brown Swiss che gli ha conferito una capacità di adattamento a tutti gli ambienti, e ha quindi abbandonato la qualifica 'Alpina' a significare la sua differenza.

Mantello: La Fiorida
Azienda agricola 'La Florida'. Punto di sosta nella ciclabile della Valtellina.

Colico
Nel punto dove l'Adda si getta nel lago di Como, si creano delle correnti d'aria ideali per il kitesurfing, per scivolare sull'acqua del lago appesi ad un grande aquilone.

Piona: il laghetto

Piona: laghetto
In questa zona del lago di Como le montagne formano l'insenatura che circonda il laghetto di Piona.

Dorio
Dorio visto dalla provinciale 72.

Corenno Plinio: chiesa
Fondata nel XII - XIII secolo. Visitata da San Carlo Borromeo che la dedicò a San Tommaso di Canterbury (Thomas Becket, morto nel 1170 per volere di Enrico II). Lo fece forse per richiamara l'unità della chiesa cattolica interrotta dalla riforma o forse per motivi politici dedicandola ad un santo inglese in un periodo di dominazione spagnola. All'esterno ci sono le tombe degli Andreani del XIV secolo.

Corenno Plinio: chiesa
Tombe degli Andreani nella chiesa di San Tommaso di Canterbury. Risalgono al XIV secolo. Quella di sinistra, sul muro del castello, stava all'interno della chiesa.

Corenno Plinio: castello
Eretto nella seconda metà del Trecento dagli Andreani ai quali era stata ceduta Corenno nel 1277 dall'arcivescovo di Milano.

Corenno Plinio: vie
Le strette vie di Corenno Plinio (frazione di Dervio).

Corenno Plinio: porto

Corenno Plinio

Dervio

Bellano

Varenna: stazione

Varenna: stazione

Ciclabili sul fiume Adige
Vieni a vedere i giri in bicicletta lungo l'Adige.

Ciclabili nel Parco Adda Nord
Vieni a vedere i giri in bicicletta che da Lecco scendono fino al Po. [...]
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Lucio Andreetto salvo dove altrimenti specificato (Wikipedia)