• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Navigli
 
punti di interesse:    link ad altre mappe:    info:    treno:   

Lungo i navigli e nelle vicinanze si snodano diversi percorsi ciclisti.
I cinque navigli sono:
--- Grande (Km 50), Bereguardo (Km 16) e Pavese (Km 33) presenti in questo sito; questi navigli si estendono fino a toccare l'area del Parco del Ticino, evidenziato in viola sulla mappa:
--- Martesana (Km 38) e Paderno (Km 3) visibili nel sito con le ciclabili del Parco Adda Nord.

Per i percorsi visibili in mappa puoi comporre il tragitto per la tua giornata di bici visualizzandone gli spezzoni che trovi qui sotto elencati. Se clicchi una seconda volta sul tragitto lo rendi nuovamente invisibile.

Nascondi tutti i tragitti visualizzati. per poi attivarli uno ad uno.

Accendi tutti i tragitti

Tragitti visualizzabili nell'area del Pavese:
- da Milano alla Certosa di Pavia (km 23)
- dalla Certosa di Pavia a Pavia (11,6)
- da Pavia al ponte di barche di Bereguardo (19,7), tragitto che si inoltra nel Parco del Ticino

Tragitti visualizzabili intorno ad Abbiategrasso:
- da Milano ad Abbiategrasso
- da Abbiategrasso a Turbigo (km 23)
- da Abbiategrasso a Morimondo (km 7)
- da Morimondo al ponte di barche di Bereguardo (km 16)

Camminando sull'acqua è un'iniziativa di riqualificazione territoriale nei comuni di Gaggiano, Lacchiarella, Zibido, Basiglio e Buccinasco all'interno del Parco Agricolo Sud Milano. Qui ci sono alcuni dei tragitti ciclistici mappati su GoogleMap.
- Badile - San Pietro - Zibido
- Gudo Gambaredo - lago Santa Maria (km 5,7)
- da Bazzanella al Vaviglio (via Gattinara) (km 5)
- da San Pietro Cusico a Trezzano (km 8)

Nascondi tutti i tragitti precedentemente visualizzati.

Maggiori informazioni sul sistema dei navigli si possono trovare nel sito dell'Istituto per i Navigli / Associazione Amici dei Navigli che li considera un patrimonio collettivo di inestimabile valore e da anni si occupa del loro recupero e valorizzazione. L'Associazione realizza studi e progetti sui possibili usi delle vie d’acqua interne, quali la navigazione, il recupero energetico, l'itticoltura, l'irrigazione, la valorizzazione ambientale e monumentale, lo sviluppo turistico, didattico e culturale. In particolare, l'Associazione Amici dei Navigli ha un obiettivo molto ambizioso: la riapertura della via d’acqua che collega la Svizzera al mare Adriatico, per ripristinare la navigazione a scopo turistico lungo l'idrovia Locarno-Milano-Venezia.



RoadBook
E' disponibile ed è scaricabile un documento in PDF (2,12 Mb) contenente un Road Book che si può stampare e portare con sè durante un giro in bici per sapere quale strada prendere e quali sono alcune delle cose più interessanti che si possono vedere lungo il tragitto.

Video
A fianco della ciclabile del Naviglio Pavese, poco prima della Conca Fallata, si trova il complesso Cascina Chiesa Rossa, composto da una vecchia cascina diventata una moderna biblioteca, l'antica chiesetta romanica Santa Maria ad Funticulum, vecchia di 800 anni, ed una stalla trasformata in porticato. Dalla ciclabile basta attraversare il ponticello in corrispondenza di Via Don Rodrigo, e poco più a sud si vede subito la chiesetta.


Sempre in bici:
Sempre in Bici Val Brembana Cammino di Santiago in bicicletta Adige Città e Parco di Monza Cremona e dintorni, in bibicletta I laghi di Varese e Comabbio In bicicletta lungo il Canale Villoresi La Martesana in bici Lungo l'Adda Nord, in bicicletta Lungo l'Adda Sud, in bicicletta Lungo l'Oglio in bicicletta Mantova e dintorni, in bicicletta Navigli Sentiero Valtellina Ticino: il parco e il fiume
Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Ponte dello Scodellino
Il ponte ha preso il nome 'dello Scodellino' perchè un tempo i 'comballi', ovvero i conducenti dei barconi che portava sabbia e altri materiali nella darsena, avevano l'abitudine di fermarsi all'Osteria del Pallone, a fianco del ponte, per mangiare una scodella di minestra bollente quando fuori faceva freddo. Oggi al Ponte Scodellino c'è l'approdo per il barcone turistico che organizza giri nel Naviglio Grande e nel Naviglio Pavese.  [photo: Google Street View]

Darsena
Specchio d'acqua che ha avuto un'antica e frenetica attività commerciale. Dal 1830 e fino alla fine del secolo entrano ed escono annualmente circa 8.300 imbarcazioni di varia dimensione per 350 mila tonnellate di merce, e nel 1953 la darsena è al 13mo posto nella classifica dei porti nazionali per traffico di merci. Poi la concorrenza del trasporto su gomma ne decreta il declino, e nel 1979 l'ultimo barcone deposita il suo carico di sabbia.  [photo: Wikipedia]

Darsena
La caratteristifa forma a banana della Darsena risale al 1603 ed è dovuta al fatto che segue la forma del perimetro sud ovest delle mura spagnole del 1560 (qui evidenziate in rosso in una cartina del 1860). Le linee d'acqua che si vedono nella cartina intorno alla Darsena sono: a ovest l'Olona, che era stato deviato in darsena per mantenere il livello dell'acqua necessario alla navigazione, a sud il Naviglio Grande che porta il Ticino a Milano, e il Naviglio Pavese, l'ultimo [...]

Vicolo dei Lavandai
Il vicolo prende il nome da un antico lavatoio (ancora esistente) dove molte donne hanno fatto il bucato per i milanesi fino agli anni cinquanta. Gli strumenti di lavoro erano: un secchio, acqua calda, il 'paltun', una specie di sapone, spazzola e candeggina acquistati nella drogheria all'angolo. La postazione di lavoro era composta dal 'brelin' di legno dove si stava inginocchiate a strofinare i panni negli stalli di pietra (ancora esistenti). Si chiama vicolo dei [...]  [photo: Wikipedia]

Milano: stazione Porta Genova
La più antica stazione ferroviaria di Milano. Treni per Mortara e Alessadria. Verrà smantellata nel 2012 e per arrivare ad Abbiategrasso bisognerà usare la stazione di San Cristoforo o quella di Romolo.  [photo: Google Street View]

Palazzo Galloni
Residenza di un'agiata famiglia borghese del Seicento, al civico 66 di Alzaia Naviglio Grande, oggi ospita il Centro dell'incisione. Di fronte al palazzo è visibile l'approdo del barcone turistico.  [photo: Google Street View]

San Cristoforo.
Costituito da due chiese: quella romanica, risale alla metà del XIII secolo, costruita nel periodo degli scavi del Naviglio Grande, a metà del XIV secolo alla facciata fu aggiunto il portale gotico ed il rosone; la chiesa più recente, edificata lungo l'argine del naviglio e detta Cappella [...]

San Cristoforo: lavatoi
I lavatoi di San Cristoforo sulle due rive del naviglio

Milano: stazione San Cristoforo
Linea Milano - Mortara con soste a Vigevano, Gaggiano, Abbiategrasso e trasporto bici.  [photo: Google Street View]

Corsico: parco Area ex Ginori
Parco sorto nella ex area industriale della Pozzi-Ginori

Corsico: Ponte sul Naviglio Grande

Naviglio Grande.
Scavato nel XII secolo dai milanesi, servì prima per l'irrigazione della bassa e per la difesa del contado, poi anche per il trasporto merci dal Lago Maggiore.
Lungo questo naviglio furono condotti anche i graniti, provenienti dalla Val Ossola, che servirono per il Duomo di Milano. Nasce vicino alla cascina Castellana e confluisce nella Darsena di Porta Ticinese a Milano, dopo un percorso di circa 50 chilometri.

Gaggiano.
Il Comune di Gaggiano è attraversato dal Naviglio Grande e si trova a 14 km da Milano in direzione ovest-sud-ovest sulla strada provinciale Vigevanese, l'antica strada postale che da Milano conduceva a Vigevano.

Gaggiano.
Naviglio Grande, pista ciclabile e chiesa di Sant'Invenzio.

Abbiategrasso: castello
Di origine duecentesca e abbellito poi dai Visconti nel XV secolo. Costruito strategicamente in asse col Naviglio Grande e con la strada che collegava Milano e Vigevano. Restaurato nel 1995 con recupero di antichi affreschi e graffiti.  [photo: Google Street View]

Abbiategrasso: stazione
Sulla linea Milano (Porta Genova) -Mortara.  [photo: Wikipedia]

Villa Visconti Maineri a Cassinetta di Lugagnano
Lato della villa Visconti Maineri, costruita intorno al 1740 sopra un preesistente edificio.

Villa Visconti Maineri a Cassinetta di Lugagnano
La scala rastremata in marmo che conduce al parco all'inglese di casa Visconti Maineri, in una immagine scattata agli inizi del Novecento.

Il Modello.
Ripartitore idraulico del 1818 in monoliti di granito.

Il Modello.

Campo di colza.
Colza (Brassica napus) pianta, dal fiore giallo brillante. Coltivata nei climi nordici, e da qualche anno anche da noi come alimento per animali, fonte di olio vegetale alimentare e come combustibile nel biodiesel.

Villa Gromo a Robecco sul Naviglio
Padiglione 'La Sirenella'.

Villa Gaia Gandini a Robecco sul Naviglio
Gaia per le feste che ospitava. Originaria del XIV secolo è appartenuta nel tempo ai conti Giovanni e Vitaliano Borromeo, e anche ai Confalonieri e ai Biglia.

Palazzo Archinto a Robecco sul Naviglio
Il sogno del nobile banchiere Carlo Archinto, finito in bancarotta prima che il palazzo venisse terminato. Iniziato tra il XVii e XVIII secolo doveve comprendere quattro grandi palazzi con un nucleo centrale e quattro ali laterali uncinate. Oggi resta solo il blocco terminale di una delle ali con le due torri merlate. Oggi ospita la biblioteca comunale e un Museo del Naviglio Grande.

Palazzo Archinto a Robecco sul Naviglio
Il progetto in un'antica stampa.

Corbetta: stazione
Stazione fra Santo Stefano Ticino e Corbetta, sulla linea Torino-Milano, servita dai treni della linea S6 (Novara-Milano-Pioltello) del servizio ferroviario suburbano di Milano.

Corbetta: Parco dei Cigni

Corbetta: villa Pagani della Torre
La villa sorge sui resti del giardino dell'antica Cà Erba ed è oggi la sede della Pro Loco. Dal 1929 al 1934 è stata casa del Podestà di Corbetta, Mario Pagani. Nel 1971 è stata acquistata dal Comune di Corbetta, e dedicata a un bambino miracolato dalla Madonna del Santuario, Angelo Della Torre. Il portico d'ingresso è retto da colonne binate in cemento decorativo, è ornato da due grandi graffiti a tratto nero su fondo ocra che riproducono un duello di cavalieri, e una [...]

Canonica di Bernate e Palazzo Visconti.
La canonica risale al 1186, quando Urbano III abilita con bolla papale l'insediamento al 'Castrum Brinate' dei più antichi canonici regolari Agostiniani Milanesi (i canonici di Crescenzago, del 1140 circa).
La parte residenziale, rivolta verso il Naviglio, è detta anche 'castello' o 'Palazzo Visconti', tipico esempio quattrocentesco, una costruzione di transizione tra il castello fortificato e la villa rinascimentale di residenza.

Naviglio Grande: ruderi

Villa Clerici a Cuggiono (Castelletto).
In origine la frazione di Castelletto coincideva con Villa Clerici, in quanto il paese era parte stesso della dimora. Nel XXVIII secolo Villa Clerici aveva giardini e viali curati e adornati da statue, nel XIX secolo per difficoltà economiche passa a nuovi proprietari la trasformano in una filanda e poi a deposito di cascame. La villa conserva nell'insieme un notevole esempio di architettura seicentesca che evoca lo spendore e la magnificenza di quei tempi.

Villa Clerici a Cuggiono (Castelletto).
La crescita selvaggia della vegetazione ha danneggiato anche l'architettura originaria del giardino. Ben visibile dal naviglio la scalinata monumentale che porta all'imbarcadero. [...]

Deposito per barcone

Madonna

Centrale di Turbigo
La Centrale di Turbigo entra in servizio nel 1928 con una potenza di 35MW. Oggi è costituita da 4 sezioni a vapore e da 4 sezioni turbogas con una potenza di 1.740 MW.

Turbigo: stazione
Ci passano i treni regionali Trenord in servizio sulla tratta Milano Cadorna-Saronno-Novara.  [photo: Google Street View]

Conchetta
La prima delle 14 conche sul Naviglio Pavese. Sulla sinistra il niovo casello di servizio ottagonale in mattoni.  [photo: Wikipedia]

Conchetta
Le particolari saracinesche della chiusa della Conchetta sfruttano un equilibrio di forze, ideate da Leonardo, che permettono a una sola persona e con un minimo sforzo di azionare la chiusa.  [photo: Wikipedia]

Antica tranvia
La tranvia a vapore (il famoso gamba de legn) diretta a Pavia, è stata attiva dal 1880 al 1936 e seguiva il percorso del naviglio.

Chiesa Rossa
Ubicato a fianco del Naviglio Pavese, il complesso Cascina Chiesa Rossa comprende una vecchia cascina lombarda trasformata in biblioteca e una chiesetta romanica vecchia di 800 anni, monumento nazionale dal 1928. La chiesetta è stata edificata sopra un nucleo paloeocristiano (sotto il pavimento sono visibili mosaici del IV secolo), riedificata dalle Benedettine nel XII secolo, e conosciuta ai tempi come Santa Maria alle Fonti per la vicinanza ad alcuni fontanili, [...]

Conca Fallata
La conca ospita oggi una mini centrale elettrica, spesso ferma a causa dell'erba che periodicamente viene tagliata per pulire i navigli, erba che oggi si presenta in quantità maggiore rispetto al passato per i cambiamenti climatici e per il diverso ciclo delle asciutte.  [photo: Wikipedia]

Milano: Via Gattinara
Invece di seguire il naviglio, al ponticello di ferro si può girare per Via Gattinara, raggiungere Assago e poi inoltrarsi nei tragitti fra i due navigli.  [photo: Google Street View]

Iris giallo
Iris pseudacorus, nome volgare Iris giallo o coltellaccio per la forma della foglia. Tipico in gran parte dell'Europa lungo i corsi d'acqua, pianta provvista di un grosso rizoma, specie molto rustica.

Assago: cascina Bazzanella
La più grande cascina di Assago. Ospitava una quarantina di famiglie ma oggi è inattiva. Cascina tradizionale lombarda con la corte quadrata.

Rozzano: antica filanda
La conca della vecchia filanda a Rozzano (anni 50-60)  [photo: Wikipedia]

Rozzano: antica filanda
La conca della vecchia filanda a Rozzano. Quel che resta. Si vedono a destra le prese d'acqua per lo stabilimento.  [photo: Wikipedia]

Zibido San Giacomo
La decadente Cascina Salterio, sorta prima del naviglio, ristrutturata a metà Ottocento, e diventerà un complesso abitativo moderno.  [photo: Google Street View]

Zibido San Giacomo
Sull'altra sponda del naviglio c'è la casa del guardiano delle acque, ora abitata da uno scultore che tiene in giardino diverse sue opere.  [photo: Google Street View]

Gudo Gambaredo: lago Santa Maria
Piccolo laghetto formato da acqua sorgiva nel Parco Agricolo Sud Milano. Attrezzato con strutture turistiche, corsi di canoa, percorso naturalistico e campi gioco.

Lago Boscaccio
Un vecchio bacino artificiale ora rinaturalizzato e diventato on'oasi naturalistica rifugio per per fauna ed avifauna migratoria e stanziale. Fra il lago e la ciclabile c'è la Cascina Boscaccio, una tipica cascina lombarda del Settecento con corte rettangolare chiusa.Le sue origini risalgono all'XI secolo.

San Pietro Cusico: laghetti Carcana
Il Lago del Mulini di Cusico è stato conosciuto per decenni come 'quarto lago' e insieme agli altri tre forma il complesso dei laghi Carcana che sono il risultato delle estrazioni eseguite dagli anni '60. I primi tre laghi sono adesso usati per la pesca sportiva, mentre il quarto è stato abbandonato per così lungo tempo che sono iniziati dei processi di rinaturalizzazione delle rive, si è sviluppata nel tempo una fascia riparia ben strutturata diventata zona di ricovero per [...]

Badile: inizio ciclabili
Il cartello indica l'inizio di alcune ciclabili fra i due navigli, un'iniziativa che si chaima 'Camminando sull'Acqua' che interssa diversi comuni fra i due navigli con le loro cascine, aree agricole e laghetti.  [photo: Google Street View]

Badile: ponte
Da questo punto la ciclabile prosegue sull'altra sponda del Naviglio Pavese.  [photo: Google Street View]

Badile (Moirago)
La conca sul Naviglio Pavese [...]  [photo: Wikipedia]

Nivolto
Una chiusa a Nivolto Giussago  [photo: Wikipedia]

Torre del Mangano
La Conca di Torre del Mangano con la casa del custode idraulico e i Molini Certosa  [photo: Wikipedia]

Certosa di Pavia
Eretta a partire dal 1396 da Gian Galeazzo Visconti come mausoleo dei Duchi di Milano.

Certosa di Pavia
Il chiostro grande misura 125 x 100 metri. Conteneva inizialmente 23 celle aumentate a 36 nel 1514, di cui oggi ce ne sono 24. Sono abitazioni per i monaci, delle casette da tre stanze e giardino. Di fianco alla porta d'ingresso c'è una piccola apertura da dove il monaco riceveva il pasto giornaliero nei giorni feriali in cui bisognava restare in solitudine. Nei giorni festivi invece si mangiava con gli altri monaci nel refettorio.

Cassinino: conca
La conca del Cassinino con il suo acciotolato originale.  [photo: Wikipedia]

Pavia: Viale Sicilia
Alla conca tra Viale Sicilia e Viale Sardegna attraversiamo il naviglio  [photo: Google Street View]

Pavia: ultima conca
Ultima conca del naviglio Pavese che qui va a finire sul Ticino.

Pavia: vista sul Ponte Coperto
Arrivati al Ticino lo si può risalire lungo la ciclabile fino al Ponte Coperto e poi proseguire per la vicina stazione ferroviaria se si volesse rientrare a Milano in treno, in alternativa dal Ponte Coperto si può seguire la ciclabile che si inoltra nel Parco del Ticino ed arrivare, dopo una ventina di chilometri, fino al ponte di barche di Bereguardo.  [photo: Google Street View]

Pavia: stazione
Linea Milano-Pavia-Voghera  [photo: Google Street View]

Abbazia di Morimondo (facciata)
L'Abbazia di Morimondo inizia la sua storia il 4 ottobre 1134 con l'arrivo di un gruppo di monaci provenienti dal monastero francese di Morimond. [...]

Abbazia di Morimondo (interno)
E' la quarta fondazione italiana e la prima in Lombardia, la chiesa si scosta da tutte le altre edificazioni cistercensi del XII secolo. Morimondo è un esempio di architettura cistercense già evoluta verso lo stile Gotico. [...]

Conche sul naviglio di Bereguardo (4)
Conca Cabardani sul Naviglio di Bereguardo.

Conche sul naviglio di Bereguardo (4)
Conca Cabardani sul Naviglio di Bereguardo..

Typha
Vicino alla conca Cabardani c'è un canaletto con una piccola isola di typha: foglie nastriformi e infiorescenza a forma di clava. Nella foto con semi piumati.

Conche sul naviglio di Bereguardo (3)
Conca Bugo, sul Naviglio di Bereguardo, dove c'è anche una bella chiesetta affreascata nella Cascina Bugo.

Conche sul naviglio di Bereguardo (3)
Conca Bugo, sul Naviglio di Bereguardo, dove c'è anche una bella chiesetta affreascata nella Cascina Bugo.

Conche sul naviglio di Bereguardo
Conca sul Naviglio di Bereguardo a nord di Morimondo.

Conche sul naviglio di Bereguardo (1)
Conca sul Naviglio di Bereguardo all'altezza di Morimondo.

Conche sul naviglio di Bereguardo (1)
Conca sul Naviglio di Bereguardo all'altezza di Morimondo.

Bereguardo.
Nome dato dal signore di Miano Luchino Visconti nel XIV secolo che chiamò il castello locale Belriguardo per le sue delizie.  [photo: Google Street View]

Bereguardo - Ponte delle barche
Uno degli ultimi esempi di ponte di chiatte in Italia. Costruito come opera provvisoria alla fine dell'ottocento è sopravissuto alle due guerre mondiali.
Le barche di legno sono state poi sostituite con chiatte in cemento.
Il ponte segue la portata del fiume e quando il livello dell'acqua si alza si alzano anche le barche.  [photo: Google Street View]

Ciclabile del Villoresi
Vieni a vedere i giri in bicicletta che proseguono lungo il Canale Villoresi

Ciclabili del Parco Adda Sud
Vieni a vedere i giri in bicicletta nel Parco Adda Sud e che poi si collegano al Parco Adda Nord.
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Lucio Andreetto salvo dove altrimenti specificato (Google Street View, Wikipedia)